Media room

Questo è il comunicato selezionato.
Per tornare all'elenco dei comunicati clicca qui.

MIR TECH 2022 . DAILY NEWS . LUNEDI´ 28 MARZO

Comunicato n. 11 del 29/03/2022 9.46.10 ( download )

LD@ Work by Giovanni Pinna - luci e colori negli show dal vivo
I segreti di un ´mago´ degli spettacoli di luce svelati al MIR Tech di Rimini. Stamattina, nel corso di un seminario, il famoso Light Designer Giovanni Pinna ha spiegato ad una attenta platea di addetti ai lavori i segreti di una carriera - ormai ultra trentennale - negli show di alcuni dei più importanti artisti del panorama musicale italiano, da Vasco Rossi a Tiziano Ferro.
´Da settembre c´è stata una forte ripresa del lavoro. Con gli spettacoli dal vivo ancora in standby è stato necessario diversificarsi e fare anche altro, ma non lo considero un aspetto a sfavore´, ha esordito Pinna. ´Per esempio si è intensificato il mio impegno nella formazione. Ho quadruplicato le ore di insegnamento e per me questo è un bene anche per far capire meglio a chi si vuole avvicinare a questo mondo come stanno veramente le cose. Durante la pandemia tanti addetti ai lavori hanno scelto altre strade´. Con il via libera alle riaperture e con il ritorno alla massima capienza, la stagione estiva si preannuncia positiva per il live show e Pinna è già a lavoro sul prossimo tour di Vasco Rossi.
Ma da dove parte il progetto di creazione di un Lightning show? Il Light Designer ha una responsabilità enorme in uno spettacolo, a volte ne determina il successo. Il disegno di luci è fondamentale per creare l´atmosfera giusta. Per questo motivo ci vuole tanta esperienza sul campo, è fondamentale analizzare lo spazio scenico, così da comprendere come sfruttarne la tridimensionalità. ´Io mi immergo sempre nel mood dell´artista per cui lavoro: studio le canzoni, la scaletta del concerto, visualizzo le emozioni che si devono far emergere e le traduco in colori´. Non esiste un giusto e sbagliato, perché non esistono studi scientifici su questa materia. Alla base di una creazione c´è sempre l´interpretazione personale. La tecnologia sicuramente aiuta tanto, soprattutto nella fase di pre programmazione, ma deve essere unita alle sensazioni personali.


Stage Manager @work: Il Palco è una grande sfida
Cosa significa davvero Ôstage manager´? Qual è il suo ruolo nella realizzazione di uno spettacolo dal vivo? Lo hanno spiegato oggi in fiera di Rimini per MIR Tech due professionisti del settore: Diego Spagnoli, Stage Manager di Vasco Rossi e Luca Biasetti di Kappa Future Festival.
Sotto certi punti di vista lo stage manager si può definire come un direttore d´orchestra ma, come sottolinea Spagnoli, ´è colui che deve mettere insieme il sistema razionale della tecnica con il sistema irrazionale dell´arte. Sono due linguaggi completamente diversi ma che devono unirsi e che tecnici e artisti devono imparare ad utilizzare per esprimere le emozioni attraverso la tecnologia´. Ogni persona che lavora per un concerto è un ingranaggio dello spettacolo stesso. Luca Biasetti descrive lo stage manager come ´un perno che deve avere un approccio al problem solving estremamente strategico e vincente, rispetto a una serie di criticità che avvengono sul palco che non si possono anticipare´. Abbiamo a che fare con una figura diversa da un tecnico generico. Come sottolinea Spagnoli, ´avere una forte personalità è parte integrante del nostro mestiere, per gestire i problemi o il carisma dell´artista. Noi dobbiamo essere capaci di parlare e non essere degli ´yes men´: questo è uno degli errori più gravi´. Il lavoro non si esaurisce con il concerto: inizia con l´allestimento e si conclude con il disallestimento. La gestione del palco comprende anche quella delle persone che organizzano l´intero evento.

Convegno SILB/FIPE: C´è tempo per il futuro: cultura, sociale, turismo
Quale l´impatto sociale, culturale e turistico che i locali e le sale da ballo hanno sul territorio e sull´economia? Se n´è parlato oggi al MIR TECH di IEG, alla fiera di Rimini, tra SILB, esponenti del mondo politico, culturale e artisti del settore.
E´ tempo di cambiare . è stato detto - e c´è grande voglia di tornare ad essere un esempio di creatività, sensibilità sociale e di imprenditorialità. SILB e il suo presidente nazionale, Maurizio Pasca, hanno voluto ribadire che lo stop alle attività di intrattenimento notturno ha avuto importanti conseguenze sulla socialità, soprattutto giovanile. Gianni Indino, presidente SILB Emilia-Romagna ha dichiarato: ´Sono lieto che si riparta da Rimini, ci sono le condizioni per tornare ad essere ciò che si è stati in passato. Le discoteche e l´intrattenimento sono le risorse che contribuiscono ad arricchire l´offerta turistica del territorio´.
A lui si è unito il sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad: ´Ritrovarci all´interno della nostra fiera è un segnale di speranza. La nostra è una città fortemente legata al turismo del mondo dell´intrattenimento. Le discoteche hanno giocato un ruolo importante. Essere qui è un passo importante per ridare alle discoteche il ruolo chiave nel nostro paese e nel settore´.
L´onorevole Jari Colla, della Commissione Attività Produttive, ha commentato: ´Con il superamento dello stato di emergenza dobbiamo permettere alle aziende di tornare a lavorare con le giuste condizioni´. Maria Soave Alemanno, onorevole della Commissione Attività Produttive, Commercio, Turismo ha offerto il suo sostegno alla categoria presso le istituzioni per meglio significare la promozione di un divertimento consapevole e responsabile. ´Ci devono essere aiuti economici reali´, ha detto l´onorevole Galeazzo Bignami, della Commissione Finanze, mentre l´onorevole Marco Di Maio, della Commissione Affari Costituzionali, ha aggiunto: ´Credo che il momento sia propizio per mettere in campo una visione d´insieme di riorganizzazione del settore. In questa fase dobbiamo ricordare il passato, ma anche gettare le basi per vivere il presente e guardare al futuro´. Al dibattito si è aggiunto il senatore Enrico Aimi, della Commissione Affari Esteri: ´Oggi è un giorno di ripartenza: ci sono i fondi e c´è la volontà politica di modificare quelle norme che non funzionano´.

Gli aspetti economici e fiscali dell´industria dell´intrattenimento
Durate la seconda giornata del MIR, riflessioni su temi economico - fiscali sull´Industria della musica da un punto di vista economico e fiscale, nel convegno partecipato da alcuni dei più importanti rappresentanti delle Associazioni di settore. Sergio Cerruti, presidente di AFI: ´La pandemia non era prevedibile, ma ora è necessario fare un´analisi e fornire i dati per riuscire a sviluppare i progetti e i supporti necessari per ripartire´. ´Inizialmente avevamo stimato che a causa della pandemia il 20% delle discoteche non avrebbe riaperto´, continua Michele Moretti, Vicepresidente nazionale SILB, ´ma stando agli ultimi dati della SIAE, solo un terzo ha effettivamente riaperto. Per capire come andrà dobbiamo aspettare l´estate o, meglio ancora, l´autunno´. Giorgio Lovecchio, Vice Presidente Commissione Bilancio: ´Quello che è successo nel 2020 è stato drammatico per tutto il nostro paese. Ma il settore più penalizzato è stato quello dell´intrattenimento. In generale si dovrebbe attuare una nuova regolamentazione fiscale dell´intero settore. Il covid è servito a portare alla luce queste problematiche: ci siamo trovati di fronte a categorie che non erano minimamente tutelate´. Per il senatore della Commissione Bilancio Dario Damiani è auspicabile che si passi da una fase di crisi a una di speranza e novità, sia da un punto di vista fiscale, sia da interlocuzioni per uno scambio equo. Si devono prevedere dei supporti di tax-credit da dare al sistema. ´Dobbiamo cambiare il nostro modo di immaginare gli aiuti, pensandoli invece come investimenti´, ha affermato Ylenja Lucaselli, Deputato della Commissione Bilancio. Al termine dell´incontro, Mauro Del Barba della Commissione Bilancio, ha detto: ´Grazie a situazioni come MIR TECH possiamo davvero capire quello che è lo scenario del settore, perché è stato penalizzato così tanto e quali richieste fare al Governo per costruire insieme la ripartenza´.



FOCUS ON ITALIAN EXHIBITION GROUP
Italian Exhibition Group S.p.A., società con azioni quotate su Euronext Milan, mercato regolamentato organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., ha maturato negli anni, con le strutture di Rimini e Vicenza, una leadership domestica nell´organizzazione di eventi fieristici e congressuali e ha sviluppato attività estere - anche attraverso joint-ventures con organizzatori globali o locali, come ad esempio negli Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti, Cina, Messico, Brasile, India - che l´hanno posizionata tra i principali operatori europei del settore.
COLPO D´OCCHIO SU MIR TECH 2022
Organizzazione: Italian Exhibition Group SpA in collaborazione con AFI, APIAS, SILB FIPE, ENA; Periodicità: annuale; Edizione: 5a; Ingresso: operatori professionali e grande pubblico; Group Exhibition manager: Andrea Ramberti; Exhibition manager: Romina Magnani; website: www.musicinsiderimini.it
PRESS CONTACT ITALIAN EXHIBITION GROUP
Head of media relation & corporate communication: Elisabetta Vitali
Press office manager: Marco Forcellini
MEDIA AGENCY MIR TECH
Naper Multimedia| Zoe Perna | T. +39 02 97699600 | email: staff@napermultimedia.it

Il presente comunicato stampa contiene elementi previsionali e stime che riflettono le attuali opinioni del management (´forward-looking statements´) specie per quanto riguarda performance gestionali future, realizzazione di investimenti, andamento dei flussi di cassa ed evoluzione della struttura finanziaria. I forward-looking statements hanno per loro natura una componente di rischio ed incertezza perché dipendono dal verificarsi di eventi futuri. I risultati effettivi potranno differire anche in misura significativa rispetto a quelli annunciati, in relazione a una pluralità di fattori tra cui, a solo titolo esemplificativo: andamento del mercato della ristorazione fuori casa e dei flussi turistici in Italia, andamento del mercato orafo - gioielliero, andamento del mercato della green economy; evoluzione del prezzo delle materie prime; condizioni macroeconomiche generali; fattori geopolitici ed evoluzioni del quadro normativo. Le informazioni contenute nel presente comunicato, inoltre, non pretendono di essere complete, né sono state verificate da terze parti indipendenti. Le proiezioni, le stime e gli obiettivi qui presentati si basano sulle informazioni a disposizione della Società alla data del presente comunicato.